Gli Stati Uniti preferiscono la cremazione: ecco i dati aggiornati di NFDA | Onoranze Funebri 24


NEWS


Gli Stati Uniti preferiscono la cremazione: ecco i dati aggiornati di NFDA

Sab, 09/16/2017 - 23:23

Sono sempre più gli statunitensi che preferiscono la cremazione alla sepoltura tradizionale. Anzi, secondo i dati diffusi da NFDA (National Funeral Directors Association) e CANA (Cremation Association of North America) l'incidenza della cremazione aumenta con un differenziale tale da far prevedere per il 2020 una netta maggioranza della prima pratica di sepoltura rispetto alla seconda. Solo nella prima metà dell'anno in corso, in USA sono state eseguite cremazioni per il 50,20% dei decessi totali, mentre nei primi sei mesi del 2014 la percentuale complessiva era pari al 26,84%. L'incremento di tale pratica si registra sin dal 1960, ma è solo negli ultimi 15 anni che l'incidenza dell'aumento annuo si è dimostrata particolarmente rilevante.

Anche in Italia si sta registrando un notevole aumento delle cremazioni e i motivi che sottendono a tale scelta sono gli stessi di quelli adotti dagli statunitensi. In primis, vi è una ragione prettamente economica: il costo di un'inumazione in bara sta diventando proibitivo per un numero sempre maggiore di famiglie, mentre con la cremazione si riesce a dare degna sepoltura al caro estinto anche senza spendere più di quanto ci si possa permettere. Non sono da meno la preoccupazione per l'ambiente e la motivazione religiosa: sono diminuite notevolmente le religioni contrarie alla cremazione, che ora è accettata anche dalla Chiesa Cattolica.